LabOFF  è un progetto di: Felice Gualtieri

Architetto, artista e musicista, è tra i fondatori del gruppo Nooffice che si occupa di architettura e ricerche sul post urbanesimo, di interazione tra new media e spazio abitato.

Nel 2011 realizzano "Corpo Vegetale" opera finalista del concorso internazionale “la Biosfera del PAV,confini osmotici interni ed esterni” che entra a far parte della collezione permanente del museo torinese curato da Piero Gilardi.

Nel 2012 inaugura un atelier per l'architettura post urbana in una piccola cittadina della provincia calabrese (Trebisacce) interessandosi a quei territori, realtà sociali, economiche e strutturali, genericamente definite marginali dalla cultura mainstream.

Ha partecipato a personali e collettive d'arte dove ha esposto opere che hanno come tema il paesaggio (nella sua accezione più ampia) e la storia, intesa come stratificazione di processi. Su Instagram, inoltre, colleziona immagini di sintesi, elaborate da luoghi improbabili con strumentazione mobile e leggera (con uno smartphone, per esempio, nel mezzo di un campo di limoni).

Da musicista ha collaborato con numerosi artisti all’interno di un gruppo aperto per la pratica dell’improvvisazione e della musica esperienziale. Attualmente si interessa di musica elettronica.

Ha pubblicato alcuni articoli nel campo della critica d’architettura, trattando argomenti che vanno dall’urbanistica alle pratiche di dislocazione nella professione di architetto, dagli spazi interstiziali alle tematiche sul paesaggio.

E' autore di Earth System, un testo incentrato sui rapporti tra urbanesimo e tecnologie digitali.

Dal 2015 scrive per PresS/Tletter.

 

Laboff is: Felice Gualtieri

Architect, artist and musician is one of the Nooffice's founders, that deals in architecture and post urban research, in interaction between new media and the space of living.

In 2011 they realize “Corpo Vegetale”, a project for an international competition: “ PAV's biosphere, inside and outside osmotic boundaries”, that becomes a part of the permanent collection in the Turin museum developed by Piero Gilardi.

In 2012 he founded "Laboff" in a small town of the calabrian countryside (Trebisacce); this is the main choice to involve the post urban interests with those territories characterized by a social and cultural context generically defined as fringe by the mainstream.

He was in a lot of painting exhibitions (solo and group) in which he showed several works about landscape (generally understood) and history as well as layered process. On Instagram he collects synthetic images made from strange places using very slight devices (a smartphone, for example, in the middle of a field of lemmons).

He collaborated, as musician, with many players inside an “open group” to extemporize and for the experiential music. Nowadays he is engaged in electronic music.

He  published several works about architecture, dealing with city planning, dislocation in architectural job, about  interstitial spaces and landscape issues. 

He is the author of Earth System and by 2015 he is writing for PresS/Tletter.